Riflessi: Salvate il Capitano Li Shang!

E se Mulan dovesse viaggiare nel regno degli spiriti?
Questo romanzo Young Adult di Elizabeth Lim della collana A Twisted Tale, edito in italiano da Giunti Editore, ci parla di Mulan che tenta di salvare Li Shang dal mondo del Diyu…

Riflessi è un romanzo che fa parte della collana A Twisted Tale, una serie di romanzi Young Adult che si basa sulla domanda “What if…?” (“E se…?”). In questo caso, la domanda che compone la trama è: “E se Mulan dovesse viaggiare nel regno degli spiriti?”. 
Il genere Young Adult comprende i libri rivolti ai ragazzi dai 12 ai 18 anni, anche se sono letti da un pubblico molto più vasto: spesso, infatti, i romanzi Young Adult trattano temi che interessano più generazioni. L’esempio più significativo al riguardo è la saga di Harry Potter.
Ricordiamo che, per il momento, le Twisted Tale disponibili in italiano sono tre: Riflessi, Un Mondo Nuovo (che abbiamo recensito QUI) e Gelo nel Cuore (che abbiamo recensito QUI). Parte del Tuo Mondo (di cui abbiamo già parlato QUI) sarà disponibile in italiano a partire dal 7 ottobre 2020
La prossima Twisted Tale in uscita in America sarà Unbirthday (“E se il Paese delle Meraviglie fosse in pericolo e Alice fosse molto, molto in ritardo?”). La pubblicazione è prevista per settembre 2020
I volumi italiani della collana possono essere acquistati su Amazon, sul sito della libreria Feltrinelli, sul sito di Giunti Editore e in tutte le librerie fisiche

Quando il mio riflesso avrò, sarà uguale a me

Mulan è una ragazza piena di coraggio, pronta ad ergersi per salvare la vita di coloro che ama.
Quando la Cina entra in guerra contro gli invasori Unni, non esita a prendere il posto di suo padre, anziano e malato, assumendo l’identità del soldato Ping, affrontando un durissimo addestramento e affiancando il valoroso Capitano Li Shang nella battaglia contro il nemico.
Nel romanzo di Elizabeth Lim, Mulan si ritrova ad affrontare un difficile viaggio nelle profondità del Diyu perché in questo contesto, ad essere ferito a morte, è proprio il Capitano Li Shang: un uomo dai lineamenti duri, marcati, ma con un cuore grande e nobile. La nostra guerriera avrà il compito di sottrarlo a un destino ingiusto.
Ci ritroviamo così, insieme alla protagonista e al leone guardiano della famiglia Li, Shishi, nel regno degli spiriti, dove il tempo scorre diversamente dalla Terra ed ogni minuto perso è fatale per le vicende che si susseguono.
Il soldato Ping affronterà demoni, fanatismi, sortilegi e miraggi.
Riuscirà Mulan a tener vivo il segreto che custodisce tanto intensamente? O si sentirà costretta a rivelare la sua vera identità? Ce la farà a portare in salvo Shang dalla sorte riservatagli da Re Yama?
In questo viaggio, tra riflessi e incertezze, possiamo godere di un paesaggio ricco di colpi di scena e di avventure, di amicizia, di amore, di un tempo che non ci lascia scampo.
E di un fiore, il più raro e il più bello di tutti, che sboccia nelle avversità.

Cos’è il Diyu?

Il Diyu è sostanzialmente basato sul Naraka indiano con elementi derivanti dalla tradizione cinese sulla vita dopo la morte. Nelle due tradizioni, il concetto è stato ampliato e reinterpretato più volte.
Il Diyu ha uno scenario simile ad un labirinto sotterraneo diviso in gironi, dove le anime dei peccatori sono chiamate a rispondere al volere di Re Yama e, in seguito alle sue disposizioni, ricevere la giusta punizione per contrappasso. Identificato propriamente come un inferno dantesco, alle anime vengono inflitte le più insopportabili e crudeli torture fino alla loro morte. Una volta sopraggiunta la morte, l’anima ritorna al suo stato originale e le torture ricominciano.
Questo ciclo di tortura, morte, rinascita, può svolgersi in eterno, oppure fino a quando l’anima non avrà espiato le sue colpe e finalmente potrà reincarnarsi e tornare sulla Terra.

Meng Po, la Signora dell’Oblio

La Vecchia Signora Meng Po ha un ruolo fondamentale nel Diyu e nel nostro racconto. Il suo compito è quello di assicurarsi che le anime pronte per la reincarnazione (in questo caso si parla dell’anima del Capitano Li Shang) non si ricordino delle loro vite precedenti o della loro permanenza all’inferno. La Vecchia Signora attende le anime all’ingresso del nono girone (Fengdu), descritto accuratamente come un giardino zen pieno di gazebo confortevoli e di fiori meravigliosi.
Per questo fine, raccoglie erbe che crescono attorno alcuni stagni e ruscelli per preparare il suo Tè dell’Oblio ai Cinque Sapori. La bevanda viene fatta bere alle anime prima di abbandonare l’inferno. La sua ingestione permette un’istantanea e permanente amnesia. Una volta purificate le anime da ogni peccato e da ogni conoscenza acquisita, gli spiriti possono finalmente rinascere, e il ciclo ricomincia.

Allora, quella vecchia signora è Meng Po, la Signora dell’Oblio!

 

Perché Mulan decide di attraversare il Diyu? E perché Shang si trova lì?

Il Capitano Li Shang è stato colpito a morte dalla spada di Shan- Yu nel passo del Tung Shao. Si è interposto tra il giovane Ping e il comandante dell’esercito Unno per salvare la vita del soldato.
Combattendo tra la vita e la morte, Shang si ritrova a dover affrontare il momento più incisivo del racconto: cosa ne sarà del suo destino dopo l’ultimo respiro? Come può un’anima rimanere sospesa tra la vita terrena e il Diyu?

Mulan, intrepida e coraggiosa, decide di affrontare la sua ennesima sfida che la porterà dritta ai cancelli dell’inferno cinese, intenta a riportare sulla Terra il suo amato Capitano.

Sii sempre buona e giudiziosa, bambina mia, o Re Yama ti trasformerà in un demone! Rispetta i tuoi antenati o non avrai nessuno che ti accoglierà e ti guiderà attraverso il Regno degli Spiriti.


Questo è ciò che le diceva, da bambina, Nonna Fa.

 

Chi è Shishi?

“Che cosa… che cosa sei?” chiese Mulan facendosi coraggio.
“Sono Shishi, il guardiano della famiglia Li. Ho il compito di occuparmi di ogni eroe della casata da almeno venti generazioni.”

I “Leoni guardiani cinesi” o “Leoni guardiani imperiali” sono ornamenti architettonici tipici della tradizione cinese. Sono realizzati interamente in pietra e vengono anche chiamati, per l’appunto, “Leoni di pietra” o “Shishi“.
Queste statue sono esposte di fronte ai palazzi degli imperatori cinesi e alle loro tombe e vengono generalmente rappresentate in coppia: un maschio, con una sfera intagliata tra gli artigli (a simboleggiare il dominio dell’imperatore sul globo terrestre) e una femmina, che trattiene un cucciolo giocoso e supino sotto di lei (a simboleggiare il nutrimento).


E così, la nostra eroina, confusa, lascia l’accampamento militare e si dirige verso le fauci dell’inferno insieme a Shishi, il Leone Guardiano della Famiglia Li.

Al galoppo, piccolo soldato. Non abbiamo molto tempo da perdere!

Per lui mi batterò

Il romanzo comincia con un tono un po’ piatto e ci vuole un po’ perché la lettura prenda piede senza distrazioni e conclusioni affrettate. Ma dopo aver superato questo momento di scetticismo iniziale, sarà faticoso posare il libro e dedicarsi ad altro! Inoltre, Riflessi è ricco di dettagli sulla tradizione cinese che avvicineranno il lettore a una cultura tanto affascinante e tanto lontana dalla nostra.
Come al solito, le Twisted Tale non deludono mai, e si rivelano una lettura leggera e ricca di temi importanti per grandi e piccoli.

Continuate a seguirci per leggere altre recensioni di questa collana!

Recensione di Gaia Reali

 

 

Commenta

commenta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.