Pirati 5: slitta il rientro di Depp e il set si ferma

Nuovi aggiornamenti sull’infortunio di Johnny Depp e sulle riprese di Pirati 5

Prima un breve riepilogo. Eravamo rimasti che dopo l’infortunio alla mano destra di Johnny Depp avvenuto fuori dal set di Pirates of the Caribbean: Dead Men Tell No Tales all’inizio del mese, le riprese stavano comunque andando avanti, concentrandosi sulle scene in cui non era prevista la presenza di Capitan Jack Sparrow, in attesa del suo rientro che doveva avvenire in questi giorni, si diceva entro domani 2 aprile. Il ritardo iniziale era dunque originariamente programmato per circa due settimane, con un impatto minimo per le riprese.

Le ultime notizie diffuse dicono che quelle stesse scene sono state ultimate e che ora si attende il ritorno di Depp in Australia per riprendere le riprese di quelle lasciate indietro.

 

Johnny depp Pirati dei caraibi

 

Il set infatti al momento è stato chiuso e la riapertura dipenderà dal recupero dell’attore statunitense, che a quanto pare ha bisogno di altre due settimane di riposo; durante l’intervento chirurgico si è reso necessario l’inserimento di un perno in un dito, questo per ridurre i tempi di recupero, che in caso contrario sarebbero stati lunghissimi.

Questo ritardo significa che meno della metà dell’attuale equipaggio di 400 persone che lavora sull’episodio della saga è stata temporaneamente allontanata, pronta a riprendere il lavoro alla fine della pausa.

Secondo i rapporti Fairfax Media, “a circa la metà della troupe è stato detto, giovedì scorso, che non ci sarebbe stato lavoro per almeno due settimane”.

Quest’ulteriore ritardo farà slittare maggiormente la fine dei lavori. Ora rimangono ancora 14 settimane di riprese per completare il film, con una data d’uscita fissata al 7 luglio 2017.

Vi terremmo informati sugli eventuali sviluppi.

 

FONTE: DEPPMANIA

Commenta

commenta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.