Into the Woods: Attento a quel che desideri!

Into the Woods è la versione cinematografica Disney dell’omonimo musical di Broadway del leggendario compositore Stephen Sondheim e del librettista James Lapine. Diretto da Rob Marshall, arriverà nei nostri cinema a partire dal 2 Aprile 2015 (4 mesi dopo gli USA).

INTO THE WOODSLa storia si apre con la canzone I wish che introduce alcuni protagonisti delle fiabe: Cenerentola (Anna Kendrick) maltrattata dalla matrigna e dalle sorellastre, desidera più di ogni altra cosa al mondo di partecipare al ballo reale; Jack (Daniel Huttlestone) e sua madre (Tracey Ullman) soffrono la fame e vorrebbero che la vecchia mucca Bianchina potesse tornare a dare il latte come un tempo; il Fornaio (James Corden) e sua moglie (Emily Blunt) desiderano avere un figlio e Cappuccetto Rosso (Lilla Crawford) chiede una pagnotta di pane da portare alla sua nonna malata. A questo punto entra in scena la Strega (Meryl Streep) che rivela al giovane Into the Woods Filmfornaio di aver lanciato una maledizione quando lui era solo un bambino. Suo padre (Simon Russell Beale) fu scoperto a rubare dei fagioli magici nell’orto della Strega (sua vicina di casa) e come punizione per aver perso i preziosi fagioli, essa cadde vittima di un terribile maleficio che rese il suo aspetto orrendo. Per vendetta maledì a sua volta la famiglia del fornaio, facendo sì che lui e sua moglie non avrebbero mai potuto avere prole. Per spezzare la maledizione, la Strega ha bisogno di quattro ingredienti fondamentali, tre giorni prima che la luna blu appaia nel cielo (un evento che ricorre solo ogni cento anni): una mucca bianca come il latte, capelli biondi come il grano, un cappuccio rosso come il sangue e una scarpetta pura come l’oro.

E’ così che il fornaio e sua moglie si avventurano nel bosco, intrecciando la loro fiaba a quelle degli altri personaggi. Nel loro cammino incontreranno Cenerentola, in fuga dal Palazzo con due scarpette d’oro; Cappuccetto Rosso, diretta verso la casa della Nonna e inseguita dal Lupo (Johnny Depp); la bella fanciulla Rapunzel (Mackenzie Mauzy), intrappolata dalla Strega in una torre senza porte; e il giovane Jack, in viaggio verso il mercato per vendere la sua amata amica mucca così da placare la sua esasperata madre.

Ognuno di loro ha un desiderio da realizzare, ma sarà quello che desiderano davvero? 

anna-kendrick-new-into-woods-stillsOgni personaggio è pronto a tutto per ottenere ciò che vuole, ma viene travolto dai dispiaceri della vita o dalle opportunità che essa offre. All’inizio della storia pensano solo a sé stessi e questo li conduce al disastro, ma col tempo tutti capiscono che devono lavorare insieme per correggere i propri errori. Bisogna stare attenti a quello che si desidera e riflettere sui propri desideri prima di esprimerli perché è dopo il “E vissero tutti felici e contenti” che la storia cambia.

Into the Woods mescola e racconta le fiabe classiche in modo innovativo e contemporaneo. E’ il viaggio interiore che i protagonisti affrontano, pagando il prezzo delle loro azioni. Il Bosco, in questo caso, simboleggia molte cose: è il luogo in cui si va per inseguire i propri sogni, fronteggiare le proprie paure, perdersi, ritrovarsi, crescere ed imparare ad andare avanti. Fa tutto parte della vita.

“La storia offre una geniale metafora sulla vita e sulla perdita, sul IntotheWoods-1351x2024rapporto tra genitori e figli, e si chiede se siamo condannati a ripetere gli errori dei nostri padri o se possiamo scegliere un’altra via. È una metafora efficace per tutti, giovani e vecchi. Quando si prendono questi elementi e li si arricchisce con sapori fiabeschi, musica e comicità, si ottiene un’esperienza cinematografica meravigliosa e soddisfacente.” afferma il produttore Marc Platt.

Il tutto è avvolto dalla magia delle note e del canto che si alternano abbastanza bene alla narrazione. Splendido il prologo e la prima parte del film, meno la seconda che risulta più pesante e confusionaria. Finale aperto, contraddittorio e un po’ deludente. In italiano le canzoni sono sottotitolate e apprezziamo la buona volontà di mantenere il significato originale della storia, anche se la lettura dei sottotitoli ad un occhio non abituato puo’ turbare la visione. Calibrato bene l’umorismo, specialmente grazie ai Principi. Le fiabe rispecchiano quasi perfettamente quelle dei Fratelli Grimm e di Charles Perrault con un tocco di modernità: geniale Cenerentola che lascia la scarpetta sulla scalinata di proposito, per capire se il Principe la ama davvero.

Il cast stellare ha arricchito il film con magistrali interpretazioni, in particolar modo quella di Meryl Steep (la Strega) nominata agli Oscar come Miglior Attrice non protagonista. Strepitosa Anna Kendrick nel ruolo di Cenerentola ed eccezionali i giovani attori Daniel Huttlestone (Jack) e Lilla Crawford (Cappuccetto Rosso). Peccato per la breve (ma intensa) performance di Johnny Depp (il Lupo) che avremmo voluto vedere di più in questo musical.

into-the-woods-6e75dab5cf12f22f

 

 

Commenta

commenta

4 pensieri su “Into the Woods: Attento a quel che desideri!

  1. Pingback: Mary Poppins Returns: confermato per il 25 Dicembre 2018!

  2. Pingback: Emily Blunt sarà la nuova Mary Poppins?

  3. Prima di scrivervi la mia, ho letto la vostra recensione e mi trovo d’accordo su alcuni punti.
    Pur essendo un film Disney e trattando di favole, è chiaro che questo è rivolto ad un pubblico più adulto e consapevole dei temi trattati. E’ facilmente intuibile l’intreccio ben orchestrato tra la nuova storia con le favole originali e la svolta centrale, usato per rimarcare vecchie morali inserendone di nuove (seppur non mi sento di condividerle tutte). Il film risulta godibile e seppur il tempo della pellicola sia molto, la storia non risulta pesante e si lascia seguire fino alla fine.
    Uno dei tasti dolenti risulta la colonna sonora che per consentire ai dialoghi di fluire, dopo l’ascolto della prima canzone, diventa via via sempre più monotona e quasi disturbante. I brani infatti (che ricordano davvero molto alcuni pezzi della soundtrack dell’altro famoso musical di Stephen “Sweeny Todd”, quasi fosse un suo sottoprodotto) si susseguono molto rapidamente uno dietro l’altro ma non sono distinguibili tra di loro se non per il tema trattato. Riflettono l’atmosfera cupa e tenebrosa del bosco ma non trasmettono di più di una sensazione di inquietudine. La Disney ci ha sempre abituato a canzoni di ben altro livello e ci si aspettava di più da un musical creato da questa casa produttrice di sogni.
    Tanti grandi nomi in questo cast che non delude le aspettative. Ottime infatti le prove vocali degli attori, che hanno dato sfoggio non solo della bravura nel recitare ma anche in quella del canto. Riescono a seguire bene sia le (eccessive) parti parlate della strofa, sia quelle che richiedono una notevole potenza vocale e padronanza della voce nelle svariate scale musicali (quasi tutte delegate alla bravissima Meryl Streep).
    Come nella maggior parte dei recenti film di animazione non mancano la parti divertenti, che però non vanno oltre qualche scenetta simpatica. Mi ha molto divertito la scena in cui si incolpano a vicenda, che culmina in una nuova morale giustamente.
    Ci sono altri aspetti da valutare, ma essendo più musical che film è normale che mi sia soffermato molto sull’aspetto auditivo.
    Tirate le somme non mi sento di condannare questo film-musical, ma nemmeno di promuoverlo a pieni voti. Presenta diverse note positive ma altrettante negative che influenzano pesantemente l’ago della bilancia. Mi riserverò di guardarlo nuovamente tra qualche tempo e a mente pulita, per confermare o mutare il mio voto che per ora resta sospeso e provvisorio.
    Ci tengo a precisare che questa è la mia valutazione personale, soggetta e influenzata dal mio gusto (com’è giusto che sia). Non condanno quindi qualunque altro parere che è anzi ben accetto per potermi confrontare e valutare altri aspetti che possono essermi sfuggiti.
    P.s. Nella recensione della bravissima Federica c’è un refuso, Maryl invece di Meryl. :)

  4. L’ho trovato troppo lungo e quasi noioso. Cast,regia e scenografia spettacolare ma niente di più. Non sarà stato il mio genere forse…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.